Home sitemap Site Map Contatto
 
 
 
                       
 
 
 
 
Testamento
Condominio
Società
Matrimonio
Obbligazioni
Famiglia
Locazione
Successione
Casa
Lavoro
Marchi e Brevetti
Contratti
Proprietà
Immigrazione
Responsabilità
Reati
Persone
Minori
Consulenza
Fallimento
Consumatori
Navigazione
Ambiente
Internazionale
Diritto sportivo
Banche
Crediti
Edilizia
Assicurazioni
Diritto sanitario
Il Diritto militare
Informatica
Amministrativo
Processo
Stradale
Tributi
 
 
 
 
 
Chiedi una consulenza legale su <?=$nome_categoria[0];?>
Navigazione
Argomenti di navigazione
Contratto di trasporto
Contratto di viaggio
Diritto della navigazione
Nautica
Norme internazionali aeronautiche
Trasporto aereo
Trasporto ferroviario
Trasporto marittimo
Trasporto stradale
 
 
 
Chiedi all'Avvocato
   

Patente nautica e documenti di bordo

 

Documenti di bordo

Diritto della navigazione. I documenti devono essere tenuti a bordo delle unità da diporto durante la navigazione per rispondere a eventuali controlli. Alcuni devono essere esibiti prescindendo dalla distanza di navigazione da terra, altri, invece, solo in relazione alla navigazione effettivamente svolta. Le unità da diporto, con o senza marcatura CE, devono tenere a bordo i seguenti documenti: i natanti a remi e a vela, quando navigano per diporto o in attività di pesca sportiva, devono avere a bordo soltanto i documenti di riconoscimento delle persone imbarcate. I natanti a motore, oltre ai documenti di riconoscimento delle persone a bordo, devono avere: il certificato d'uso del motore, sia per i motori fuoribordo che entrobordo. Sul documento sono indicate la potenza del motore in Kw/Cv e la cilindrata per determinare l'eventuale obbligo della patente nautica; la polizza di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per danni a terzi (limite di garanzia minimo 774.685 euro) per le unità munite di motore di qualsiasi potenza. Il limite dei tre cavalli fiscali è stato soppresso. I contrassegno del certificato va esposto e posizionato in un punto ben visibile; la patente nautica in corso di validità (il pagamento del bollo annuale è stato soppresso). La patente è obbligatoria quando la potenza del motore o complessiva dei motori supera i 40,8 CV, pari a 30 KW, o la cilindrata supera i 750 cc. se a carburazione a due tempi, i 1.000 cc se a carburazione a quattro tempi fuoribordo, 1.300 cc se a carburazione a quattro tempi entrobordo, 2.000 cc. se diesel nonché quando la navigazione si svolge ad una distanza superiore alle sei miglia dalla costa; nel caso vi sia a bordo un Vhf (è obbligatorio quando si naviga a distanza superiore alle sei miglia dalla costa) devono essere tenuti a bordo: 1. certificato limitato di Rtf dell'operatore (si consegue senza esame e non è soggetto a scadenza o a bollo); 2. licenza di esercizio Rtf (rilasciata, in virtù della nuova legge sulla nautica, direttamente dall'Ispettorato Regionale delle Comunicazioni, avente la giurisdizione sul luogo di residenza dell'interessato). Per i natanti costruiti in serie deve essere tenuto a bordo il certificato di omologazione e la dichiarazione di conformità (originale o copia autenticata). Su tale certificato sono indicati: la specie di navigazione cui l'unità è abilitata; la potenza massima (e la massa) del motore installabile a bordo; il numero delle persone trasportabili, sempre più favorevole rispetto a quello stabilito dal regolamento di sicurezza per le unità non omologate (3 persone fino a m. 3,50, 4 persone fino a m. 4,50, 5 persone fino a 6 m., 6 persone fino a m. 7,50, se superiore 7 persone). Per navigare fino a 12 miglia dalla costa i natanti oltre ai documenti sopra menzionati, devono avere a bordo avere a bordo uno dei seguenti documenti attestanti l'idoneità: il certificato di omologazione e dichiarazione di conformità rilasciata dal costruttore dai quali risulta che l'unità è abilitata alla navigazione senza alcun limite (o oltre sei miglia dalla costa); l'estratto del R.I.D. (Registro delle Imbarcazioni da Diporto) rilasciato, per le unità già iscritte e successivamente cancellate dai registri, dall'ex Ufficio di iscrizione, dal quale risulta che l'unità era abilitata alla navigazione senza alcun limite; una specifica attestazione di idoneità rilasciata da un organismo notificato. Nota: i natanti con marchio CE non hanno più l'obbligo di avere a bordo il "manuale del proprietario". Le imbarcazioni, oltre ai documenti di riconoscimento delle persone a bordo, devono avere: la licenza di navigazione (non va sottoposta ad alcun visto periodico); il certificato d'uso del motore (solo per le unità munite di motore fuoribordo); la polizza di assicurazione (sempre obbligatoria: il limite dei tre cavalli fiscali è stato soppresso) il contrassegno del certificato va esposto; il certificato di sicurezza in corso di validità (le annotazioni di sicurezza riportate sulla licenza sono valide fino alla loro scadenza); licenza di esercizio RTF (obbligatoria per tutte le unità che hanno un apparecchio radiotelefonico a bordo). Il documento non ha scadenza. Nota: nel documento sono indicati oltre gli elementi di individuazione dell'unità ed il nominativo internazionale anche il tipo di apparato VHF installato a bordo autorizzato. Il certificato limitato Rtf (si consegue senza esame) - non ha scadenza; patente nautica, in corso di validità, quando prescritta (la tassa annuale è stata soppressa); Note: La tassa di stazionamento è stata soppressa per tutte le unità da diporto; Sullo scafo delle unità CE è apposta la targhetta del costruttore nella quale sono indicati la categoria di progettazione (A, B, C o D), la portata massima consigliata in kg. e il numero massimo delle persone trasportabili. Ulteriori notizie riguardanti l'utilizzazione dell'unità sono riportate nel “Manuale del proprietario” che è consegnato dal costruttore al proprietario al momento dell'acquisto. Nel caso venga installato un motore ausiliario, questi deve essere munito del certificato d'uso e di una polizza di assicurazione autonoma. I motori installati a bordo delle unità da diporto di qualsiasi potenza devono avere una propria copertura assicurativa. Per la navigazione tra i porti nazionali, i documenti possono essere tenuti a bordo in copia autenticata. Diritto della navigazione.

Abilitazione alla navigazione. Le unità con il marchio CE, in relazione alla categoria di progettazione, sono abilitate alle seguente specie di navigazione: Categoria A: senza alcun limite; Categoria B: con vento fino a forza 8 e onde di altezza significativa fino a 4 metri (mare agitato); Categoria C: con vento fino a forza 6 e onde di altezza significativa fino a 2 metri (mare molto mosso); Categoria D: per la navigazione nelle acque protette, con vento forza 4 e onde di altezza significativa fino a 0,5 metri. Diritto della navigazione. Nota: per misurare la forza del vento si usa la scala Beaufort. Per altezza significativa dell'onda s'intende l'altezza media calcolata considerando un terzo delle maggiori altezze d'onda osservate in un dato periodo. La valutazione degli elementi meteo-marini è fatta dallo skipper che si assume anche la responsabilità di impiegare l'unità nei limiti della categoria di progettazione assegnata dal costruttore, secondo le istruzioni riportate nel manuale del proprietario.

Navigazione con i tender. I natanti da diporto a motore fino a 10 metri (la lunghezza di tali unità è stata allineata, dalla legge di riforma della nautica, a quelle a vela), quando utilizzate come “tender” devono riportare sullo scafo la sigla e il numero d’iscrizione (es. tender to GE 100D). Nel corso della navigazione entro un miglio dalla costa o dall’unità-madre, se si trova al largo, a bordo è obbligatorio avere solo le cinture di salvataggio con esclusione delle altre dotazioni. Il tender deve essere munito del certificato d’uso del motore e della polizza di assicurazione, obbligatoria, dopo la riforma della nautica, per tutti i motori installati a bordo (il limite di esenzione dei tre cavalli fiscali è stato soppresso).

LA NUOVA PATENTE NAUTICA

Diritto della navigazione. Il nuovo regolamento sulle patenti nautiche è entrato in vigore dal 16 gennaio '98 ed è stato pubblicato integralmente sulla rivista "Nautica" n. 430, febbraio '98. Rivediamo sinteticamente la disciplina sulle abilitazioni per il comando e la condotta delle unità da diporto, navi comprese (quelle che superano i 24 metri fuori tutto), che finalmente sono denominate patenti nautiche, con termine più comprensibile da tutti. Le nuove norme hanno anche confermato il limite di potenza massima dei motori conducibili senza patente. La patente nautica è obbligatoria nei seguenti casi: 1) Per la navigazione con natante e imbarcazioni nelle acque interne e nelle acque marittime entro sei miglia dalla costa, quando a bordo sia installato un motore con potenza superiore a 30 kW o a 40.8 Cv e, comunque, con cilindrata superiore a 750 cc, se a carburazione a due tempi o a 1000 cc, se a carburazione a 4 tempi fuoribordo o a 1300 cc, se a carburazione a 4 tempi entrobordo o a 2000 cc, se a motore diesel; ciò vuol dire che se la potenza massima rientra nella norma, cioè è uguale o inferiore a 40.8 Cv, ma la cilindrata supera quelle indicate sopra scatta l'obbligo della patente, e viceversa. 2) Per tutte le unità in navigazione oltre le sei miglia dalla costa, indipendentemente dalla motorizzazione. Ricordiamo che quando il limite della potenza massima senza patente fu portato da 25 a 75 HP, con un decreto legge in iter modificato all'uopo dal ministro Caravale - provvedimento che fu reiterato molte volte, fino a prendere il n. 535, del 21.10.96 (G.U. n 248 del 22.10.96) e poi approvato con la legge di conversione n. 647 del 23.12.96 (G.U. n. 300 del 23.12.96), però col limite ridotto a 40.8 HP - si levò un coro di proteste talmente alto da costringere il Ministro a fare marcia indietro. Il provvedimento si è dimostrato invece efficace, elevando le dimensioni e quindi la sicurezza dei natanti (e di quelle imbarcazioni che venivano utilizzate come natanti proprio per non dover prendere la patente nautica) senza che si siano minimamente verificati quegli incidenti e quegli inconvenienti evocati da tante cassandre, abilmente sollecitate da chi invece aveva interessi corporativi, siamo convinti che nessun inconveniente si sarebbe manifestato se il limite fosse restato a 75 HP, perché, ai fini della vera sicurezza, legando la potenza minima e massima al peso dell'unità e all'età maggiorenne del conduttore, come da noi proposto, la pericolosità non sarebbe cresciuta, mentre si sarebbe ulteriormente incrementata la sicurezza della navigazione su mezzi che devono fuggire il maltempo e non affrontarlo - Purtroppo c'è troppa gente che pontifica per politica dietro a un tavolino cercando di crearsi centri di potere e... di guadagno e che spesso non ha mai messo piede su una barca e nulla comprende delle esigenze di chi va in barca. Ma ormai il limite dei 40.8 accettato da tutti non ha dato luogo a inconvenienti e non se ne prevede per ora la modifica, in attesa di una direttiva comunitaria per il riavvicinamento delle norme in materia di abilitazione. Perciò, al momento di un eventuale controllo, si deve soltanto dimostrare di essere in possesso della patente necessaria per la navigazione effettivamente svolta. Diritto della navigazione. Patenti e distanze di navigazione. Ancora una volta richiamiamo l'attenzione del lettore sul fatto che, grazie alle nuove normative, per la patente, come per le dotazioni di sicurezza, vige il principio della distanza di navigazione dalla costa, cioè il tipo di patente da possedere non è riferito all'abilitazione dell'unità sulla quale ci si trova, ma alla effettiva distanza dalla costa ove la navigazione è effettivamente svolta, fermo restando che nessun mezzo a motore può essere condotto senza patente quando la potenza massima supera i 40.8 HP ecc., anche a meno di 300 metri da terra. Perciò, al momento di un eventuale controllo, si deve soltanto dimostrare di essere in possesso della patente necessaria per la navigazione effettivamente svolta. La normativa ha anche recepito alcuni principi stabiliti da sentenze della magistratura: è possibile condurre un'unità con licenza di navigazione senza limiti anche con la patente inferiore, cioè entro 12 miglia, se la navigazione non supera tale limite; al timone può esservi anche una persona non in possesso di abilitazione o di abilitazione inadeguata, se a bordo c'è un patentato abilitato per la navigazione in corso, che rimane responsabile della conduzione. Ci sembra giusto, a questo punto, dare atto all'estensore del Regolamento di aver pienamente recepito lo spirito di semplificazione desiderato dal Ministro Burlando e anche la necessità di trasparenza amministrativa, introducendo inoltre ampiamente l'autocertificazione prevista dalla legge Bassanini (n. 127 del 15.5.97). Infine, altra innovazione molto importante, con il nuovo Regolamento è stato stabilito l'immediato rilascio della patente una volta superate le prove d'esame. Diritto della navigazione. Domanda d'ammissione all'esame. Il modello di domanda allegato al regolamento, che riproduciamo in un box a parte, è multiuso, cioè può essere utilizzato per l'autocertificazione dei dati personali, per la richiesta di ammissione agli esami, per la convalida delle abilitazioni, per la richiesta di rilascio della patente a coloro che sono in possesso di titoli professionali marittimi, per il rilascio del duplicato delle patenti nonché per le comunicazioni relative al cambio di residenza. Va presentata agli uffici provinciali della MCTC o alla competete autorità marittima in duplice copia, di cui una in bollo, conforme al fac-simile che pubblichiamo e corredata dal certificato medico di idoneità, rilasciato da un medico pubblico con funzioni in materia medico-legale, da due foto formato tessera e infine dalle ricevute dell'avvenuto pagamento della tassa d'esame. Diritto della navigazione. Tipi di patente, insieme vela e motore, limitazione al solo motore. Le patenti ora sono tre: entro 12 miglia dalla costa; senza alcun limite dalla costa; per navi da diporto. Infatti, adesso la patente nautica è unica e comprende le abilitazioni alla navigazione entro 12 miglia dalla costa e senza alcun limite; entrambe comprendono sia l'abilitazione per la vela che per il motore. Visto che il programma teorico d'esame è comune, il velista col solo esame pratico per la vela acquisisce tutte e due le abilitazioni, mentre l'utente del motore può invece richiedere di sostenere solo la prova pratica per la conduzione di unità a motore e allora la sua patente è limitata alla sola abilitazione per il motore. La legge di riforma della nautica ha soppresso la distinzione delle unità da diporto in relazione al mezzo di propulsione. Le unità a motore, quelle a vela con m.a. e i motovelieri, hanno perduto il regime giuridico che le caratterizzava. È da ritenere che nel futuro anche le abilitazioni (a vela e a motore) verranno unificate. Se poi, successivamente, la stessa persona vorrà estendere la sua abilitazione anche alla navigazione a vela, sarà tenuta soltanto a sostenere la relativa prova pratica d'esame. Ciò vale sia per le patenti entro 12 miglia che senza limiti. Se, invece, vorrà passare alla patente superiore, cioè da entro 12 miglia a senza limiti, dovrà sostenere un esame integrativo teorico sulle materie non comprese nel programma di esame della patente già conseguita. Chi ha già conseguito sia la patente vela sia quella a motore, con documenti separati in occasione della prima convalida, dovrà chiedere di riunire le due abilitazioni in un unico documento. Tali innovazioni sono state introdotte per semplificare, ma anche per adeguare la normativa alle esigenze di un uso professionale della patente, come accade per l'attività di skipper nel settore del noleggio, dove appunto è richiesto sia il possesso della patente vela che della patente motore. Chi ha conseguito la patente per navi da diporto, che abilita a condurre unità superiori a 24 metri di lunghezza, può condurre anche tutte le unità da diporto di lunghezza inferiore a 24 metri a vela e a motore, comprese quelle a vela con motori ausiliari e i motovelieri. Per conseguire la patente per navi da diporto, si deve essere in possesso, da almeno tre anni, dell'abilitazione alla navigazione senza alcun limite dalla costa. Diritto della navigazione. Vecchie patenti da 6 a 12 mg. La nuova normativa ha favorito anche i possessori della patente entro 6 miglia, che hanno vista raddoppiata la distanza di navigazione della loro abilitazione. Infatti, le patenti sia a motore che vela entro sei miglia, rilasciate fino all'entrata in vigore delle nuove norme, sono state automaticamente estese a dodici miglia senza necessità di alcuna procedura o formalità amministrativa. Il che significa che l'estensione li abilita a raggiungere quasi tutte le isole italiane, naturalmente con unità che abbiano le caratteristiche necessarie a navigare fino a 12 miglia (o, come detto sopra, abilitate senza limiti, se si rimane nell'ambito delle 12 miglia, perché vale la navigazione effettivamente svolta). Diritto della navigazione. Vecchie patenti senza limiti. Rimangono anche valide le patenti senza limiti sia per la vela sia per il motore, rilasciate prima dell'entrata in vigore (16 gennaio 1998) del Regolamento. È previsto che tali patenti siano sostituite nel tempo, al momento della prima convalida, con nuovi modelli. Diritto della navigazione. Età richiesta. Per conseguire la patente nautica è necessario aver compiuto i 18 anni, mentre per le unità conducibili senza patente le età minime sono le seguenti: 14 anni per natanti senza motore, a vela con superficie velica superiore a 4 mq nonché unità a remi, che navigano entro un miglio dalla costa; 16 anni per i natanti a motore, per i natanti a vela con motore ausiliario e i motovelieri con motori di potenza inferiore ai 40.8 HP ecc.; 18 anni per le imbarcazioni a vela con motore ausiliario, motovelieri e per quelle a motore di potenza inferiore ai 40.8 HP e relative cilindrate e nonché gli acquascooter o moto d’acqua”.
Nota: La nuova legge sulla nautica ha innalzato il limite di età per la condotta degli acquascooter, ma non è ancora chiaro se per condurre il mezzo è necessaria – o meno - la patente nautica. Secondo fonti ministeriali la patente non è obbligatoria ma la questione resta, tuttavia, sub-judice.
È stato confermato che si prescinde dall'età per coloro che partecipano ai corsi delle scuole delle federazioni sportive e della Lega Navale Italiana, o ad allenamenti e attività agonistica, a condizione che dette attività si svolgano sotto la responsabilità delle scuole e i partecipanti siano coperti dall'assicurazione per la responsabilità civile per i danni causati alle persone imbarcate e a terzi. Diritto della navigazione. Requisiti fisici. Non possono ottenere le patenti nautiche coloro che sono affetti da malattie fisiche o psichiche, deficienze organiche o minorazioni psichiche, anatomiche o funzionali che impediscono di svolgere con sicurezza le operazioni inerenti la patente da conseguire o da convalidare. Il giudizio in proposito è demandato a un medico pubblico, con funzioni in materia medico-legale, che può rilasciare certificazioni di idoneità solo quando accerti e dichiari che le stesse non pregiudicano la sicurezza della navigazione alla quale la patente abilita. In caso di dubbi oppure quando siano da giudicare minorazioni fisiche o eventuali protesi correttive, il giudizio di idoneità può essere demandato alla commissione medica locale, che giudica anche nei riguardi dei mutilati e minorati fisici e di coloro per i quali sia fatta richiesta dall'autorità marittima o dal prefetto. Tutte le spese dei vari iter sono a carico degli interessati e per essere ammessi all'esame la certificazione non può risultare di data anteriore a 6 mesi dalla data di presentazione della domanda d'esame. Si può ricorrere contro il giudizio delle commissioni mediche e per la perdita dei requisiti fisici e psichici entro 30 giorni, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che si avvale degli organi sanitari periferici delle Ferrovie dello Stato. N.B. Molti fanno confusione tra certificato medico patente auto, che è stato automatizzato e arriva alla Motorizzazione direttamente, con quello per patente nautica, che invece va ritirato e portato a mano all'ufficio marittimo, alla motorizzazione Civile o alla scuola che fa da agenzia. Indipendentemente dal periodo di validità della patente, l'autorità marittima e la MCTC possono disporre che il titolare sia sottoposto a visita medica o a esame di idoneità qualora sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti. Il recente regolamento sulla disciplina delle patenti nautiche (DPR 431/97, in vigore dal 17/1/98) costituisce il nuovo testo unico sulla materia, sostituendo il precedente (DM 173/91). Può essere utile sottolineare alcuni aspetti del nuovo regolamento, legati ai requisiti fisici necessari per il conseguimento delle patenti nautiche. Tra i requisiti visivi previsti dal nuovo regolamento non compare il visus minimo: in attesa di una integrazione del testo di legge sembra ragionevole risalire all'analoga normativa prevista dal Codice della strada, normativa dalla quale discendono, adattati alla navigazione da diporto, i requisiti fisici per le patenti nautiche.Le eventuali correzioni per visus naturale inferiore al minimo prescritto, invece, sono dettagliatamente indicate dal nuovo decreto. Per chi non gode della vista da entrambi gli occhi giunge un incoraggiamento: il visus minimo non corretto richiesto all'occhio residuo è di 7/10, contro gli 8/10 previsti dalla norma precedente. Diritto della navigazione. Il nuovo regolamento, peraltro, scioglie un nodo interpretativo della norma precedente a proposito della possibilità di ottenere la patente nautica da parte dei portatori di handicap, in particolare dei minorati degli arti. La Commissione medica locale (lo stesso organismo competente per le patenti auto) può intervenire riducendo i termini di validità delle patenti, in relazione al tipo di abilitazione richiesta, alla distanza dalla costa oltre la quale non si può navigare, alle ore di navigazione, all'assunzione del comando di sole unità a motore nonché le eventuali protesi. Anche con il vecchio regolamento ci si poteva genericamente rivolgere alla Commissione medica ma questo nuovo decreto, giustamente, prevede espressamente una sorta di patente speciale anche per la nautica da diporto, in analogia a quanto già avviene per le patenti automobilistiche. Nella sostanza, comunque, viene confermato il principio informatore della sicurezza in mare: gli handicap degli arti non devono essere tali da menomare forza e prontezza dei movimenti necessari per effettuare le manovre per il comando e la condotta delle unità da diporto. Diritto della navigazione. Requisiti morali. Neanche possono ottenere la patente coloro i quali sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, o che sono stati condannati a una pena superiore a tre anni e ad altre condizioni previste dall'art. 6 del regolamento (leggi n.1423/56, n.327/88, n.575/65, n. 685/75 e successive modificazioni, n. 39/90 e D.P.R. N. 43/73), salvo che, nel frattempo, non siano intervenuti provvedimenti di riabilitazione. Diritto della navigazione. Sospensione della patente. La patente nautica può essere sospesa temporaneamente qualora non sussistano più i necessari requisiti fisici e psichici. Il recupero dell'idoneità va comunque attestato con una nuova certificazione medica. Sono anche causa di sospensione: la conduzione o il comando dell'unità da diporto in stato di ubriachezza o sotto l'effetto di altre sostanze inebrianti o stupefacenti (sospensione max 6 mesi); atti di imprudenza o di imperizia tali da compromettere l'incolumità pubblica e da produrre danni (sospensione max 3 mesi); la richiesta del prefetto, per motivi di pubblica sicurezza (sospensione max 6 mesi). Infine la patente è sospesa causa l'inizio di un procedimento penale per i delitti di omicidio colposo, lesioni gravi o gravissime colpose, per i delitti contro l'incolumità pubblica ecc. di cui all'art. 25 del regolamento. La sospensione è annotata sulla patente. Chi rilascia le patenti. Entro 12 miglia dalla costa: gli Uffici Circondariali Marittimi e le Capitanerie di porto oppure gli uffici provinciale della MCTC. Senza limiti: le Capitanerie di porto e gli Uffici Circondariali Marittimi. Navi da diporto: Capitanerie di porto. La nuova legge sulla nautica prevede una revisione delle competenze degli uffici marittimi e della motorizzazione civile in materia di nautica da diporto. Diritto della navigazione. Titoli professionali alternativi alla patente. Possono comandare e condurre unità da diporto, nei limiti e con le modalità stabilite dal D.M. 5.7.94, n. 536, coloro in possesso di un titolo professionale marittimo sia per il traffico sia per la pesca o per la navigazione interna e muniti di libretto di navigazione in regolare corso di validità. Diritto della navigazione. Patenti senza esami. Possono conseguire tutte le patenti nautiche senza esami, compresa la patente per le navi, tutti gli ufficiali del Corpo di Stato Maggiore della Marina Militare e delle Capitanerie di Porto in S.P.E. o del ruolo a esaurimento. I loro requisiti devono essere comprovati dall'estratto matricolare o da una dichiarazione del comando di appartenenza. Invece, può conseguire senza esame nei limiti dell'abilitazione militare in possesso, il personale delle forze armate, delle forze di polizia e dei Vigili del fuoco, in servizio permanente o volontari di truppa in ferma breve, abilitato al comando navale e alla condotta dei mezzi nautici da parte della marina militare. Non possono conseguire la patente senza esame coloro che non siano muniti di abilitazione rilasciata da una forza armata diversa dalla Marina, fatta eccezione per il personale militare della Guardia di Finanza in servizio permanente o volontari di truppa in ferma breve, in possesso di specializzazione al comando di unità navale rilasciata dai comandi della Guardia di Finanza. Con circolare n. N-3 3848 del 4 luglio 2000 sono state definite le modalità per conseguire la patente – senza esame – da parte di coloro che sono in possesso di un brevetto di abilitazione militare. I suddetti, per ottenere la patente, devono presentare la medesima domanda e documentazione degli aspiranti all'esame. Il personale di cui sopra, una volta in congedo, gode ancora della stessa possibilità per cinque anni dalla cessazione del servizio, purché in possesso dei necessari requisiti fisici, psichici e morali. Diritto della navigazione. Procedure per ottenere la nuova patente per le unità da diporto. La domanda, come indicato sopra, può essere presentata sia agli uffici provinciali della MCTC sia agli uffici marittimi quando si richiede la patente entro 12 miglia, solo agli uffici marittimi quando si richiede la patente senza limiti. Essa deve essere preparata in duplice copia, di cui una in bollo, deve essere conforme al fac-simile, che pubblichiamo in box a parte, e corredata dal certificato medico rilasciato da un medico pubblico con funzioni in materia medico-legale, da due foto formato tessera e dall'attestato del pagamento della tassa di ammissione agli esami. La seconda copia della domanda, datata e protocollata viene restituita al candidato e costituisce, con il documento di identità personale, autorizzazione provvisoria per le esercitazioni pratiche in barca. Essa vale tre mesi, prorogabili per altri 3. Tra il rilascio del documento e l'esame devono passare almeno trenta giorni. Entro il termine di validità dell'autorizzazione il candidato deve prenotarsi per iscritto (o anche a mezzo fax) per sostenere l'esame presso l'ufficio cui ha presentato la domanda, consegnando contestualmente le ricevute di pagamento delle tasse e dei tributi previsti. Nei 45 giorni successivi alla prenotazione egli sarà chiamato a sostenere le prove di esame. Se sarà dichiarato idoneo, la patente gli sarà consegnata al termine delle prove stesse. Chi non supera l'esame, teorico o pratico, può ripetere la prova, una sola volta, senza dover ripagare. Il candidato assente una volta può ripresentare la richiesta per sostenere l'esame una seconda volta. Diritto della navigazione. Commissioni d'esame. Per evitare le lunghe attese degli scorsi anni e rispettare i termini suddetti, è stato disposto che presso gli uffici marittimi possano operare contemporaneamente più commissioni di esame, formate da personale altamente qualificato. Un'agevolazione per le scuole è rappresentata dalla possibilità di ottenere, su domanda e accollandosene le spese, che le commissioni d'esame possono operare anche presso le loro sedi quando i candidati siano più di dieci. L'esaminatore è unico per le patenti entro le 12 miglia; sono invece due per le patenti senza alcun limite. La commissione è integrata da un esperto velista (tratto dall'albo della F.I.V. o della L.N.I.), nel corso della prova pratica a vela, che entro le 12 miglia è svolta con un'unità da diporto a vela con motore ausiliario (può essere anche un natante), riconosciuta idonea dalla commissione di esame. Per la patente motore si utilizza, per la prova pratica, un'unità a motore. Per la patente senza limiti la prova pratica va effettuata con un'unità iscritta al R.I.D. e abilitata alla navigazione per la quale si richiede la patente. Per la patente per nave da diporto, qualora non si disponga di una nave, la prova pratica può essere svolta con un'imbarcazione di lunghezza non inferiore a m 20. Diritto della navigazione. Registro delle patenti nautiche. Gli uffici marittimi e quelli della MCTC annotano i dati relativi alle patenti rilasciate su un apposito registro dell'ufficio, sul quale nel tempo sono registrate le convalide e tutte le altre variazioni. Tassa per il rilascio della patente. La tassa per il rilascio della patente per le navi e le imbarcazioni è stata soppressa. La marca da bollo per le eventuali domande da presentare agli uffici marittimi resta di Euro 10,33. Scuole nautiche. Per l'educazione marinaresca e la preparazione teorico-pratica per il conseguimento delle patenti sono state da tempo istituite le "scuole nautiche", che per operare devono essere munite di un'apposita autorizzazione rilasciata dalla provincia, alla quale ne spetta anche il controllo amministrativo. Le scuole nautiche attualmente esistenti, iscritte presso la Camera di Commercio, e le autoscuole in possesso dei requisiti previsti dal D.M. 317/1995, possono richiedere tale autorizzazione alla competente provincia, purché abbiano idonee sistemazioni logistiche, attrezzature marinaresche e strumenti nautici, nonché insegnanti qualificati e dispongano di unità da diporto corrispondenti ai corsi di insegnamento effettuati. Nel frattempo, in attesa della normativa provinciale, le scuole nautiche continuano a operare presso gli Uffici marittimi, con le norme attualmente in vigore. Per le nuove scuole nautiche è necessario attendere l'emanazione del regolamento provinciale. Bollo annuale della patente nautica. Il bollo annuale per la patente nautica è stato abrogato dalla legge n. 488 del 23.12.1999 (Finanziaria 2000). Aggiornamento e convalida. A similitudine di quanto avviene per le patenti di guida automobilistiche, per l'aggiornamento e la convalida delle nuove patenti è previsto l'invio a domicilio di un talloncino autoadesivo. Fin quando non saranno disponibili i nuovi appositi modelli, le patenti nautiche continueranno a essere rinnovate con l'osservanza della precedente normativa. Durata, convalida e sostituzione delle patenti. La patente è soggetta a rinnovo e la sua validità dal momento del rilascio o della convalida è di 10 anni, ridotta però a 5 per i titolari che abbiano superato i 60 anni e anche a meno per coloro che siano affetti da infermità fisiche o psichiche o minorazioni anatomiche o funzionali. Se la convalida viene richiesta prima o dopo la data di scadenza, la durata successiva decorre dalla data della convalida. Costui, secondo le previsioni della legge di riforma della nautica, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 207,00 a Euro 1.033,00. Chi dimentica la patente a terra è punito con la sanzione amministrativa da Euro 50,00 a Euro 500,00, mentre condurre un’unità da diporto senza aver mai conseguito la patente nautica, ovvero la stessa è stata revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti, comporta una sanzione amministrativa che va da Euro 2.066,00 a Euro 8.263,00 nonché la sospensione della licenza di navigazione dell’unità, che viene annotata sul documento, per la durata di 30 giorni. Per la convalida il titolare deve presentare domanda in doppia copia, di cui una in bollo, direttamente o con raccomandata all'ufficio marittimo (Capitanerie e Uffici Circondariali marittimi) o all'Ufficio Provinciale della MCTC che ha provveduto al rilascio. Essa va corredata del certificato di idoneità fisica (in bollo) di un medico pubblico (USL o altri) con funzioni in materia medico legale, e il richiedente deve dichiarare di possedere i necessari requisiti morali e, nel caso, l'eventuale possesso di altra abilitazione al comando di unità da diporto, compilando a tale scopo i quadri a) b) e) ed f) dello schema di domanda che pubblichiamo nel box a parte. È previsto che il competente ufficio provveda alla convalida della patente nautica in possesso a vista ovvero invii all'interessato, entro 30 giorni, un talloncino adesivo (da apporre sul documento) sul quale sono annotate anche le eventuali prescrizioni risultanti dal certificato di idoneità fisica. Cambio di residenza. Per comunicare l'eventuale cambio di residenza si segue la stessa procedura di cui sopra, comunicando con raccomandata all'ufficio che ha rilasciato la patente, la dichiarazione sostitutiva del certificato di residenza, compilando il quadro A del fac-simile pubblicato in queste pagine. La modifica viene registrata sul Registro delle patenti nautiche. Patenti deteriorate o illegibili. Sono sostituite seguendo la stessa procedura della convalida, ma con l'aggiunta di due foto, di una marca da bollo da Euro 10,33, dello stampato a pagamento (nel 2004 Euro 1,44). La validità del duplicato è la stessa del documento sostituito, che viene ritirato e comunque annullato. Smarrimento o distruzione della patente. Lo smarrimento, sottrazione o distruzione della patente va denunciata all'autorità di Pubblica Sicurezza che rilascia attestazione della denuncia resa. Il titolare, per ottenere il rilascio del duplicato, deve presentare al competente ufficio, oltre alla domanda, in duplice copia, sullo schema citato, l'attestazione della P.S., le ricevute comprovanti il pagamento del tributo previsto (Euro 1,03, causale Capo XV - Cap. 3570, da effettuare sul c.c.p. della Tesoreria Provinciale dello Stato di locale giurisdizione, utilizzando un bollettino Mod. CH quater); due foto formato tessera. Copia della domanda, restituita all'interessato, gli consente di comandare e condurre unità da diporto, nei limiti dell'abilitazione posseduta, per la durata di 30 giorni. Il duplicato della patente ha la validità del documento sostituito. Le patenti nautiche conseguite in un Paese estero (anche se comunitario) non possono essere convertite con quelle previste dalla legge italiana. Gli stranieri e gli italiani residenti all’estero possono comandare unità da diporto di bandiera nazionale nei limiti dell’abilitazione in possesso. Tuttavia, i cittadini italiani, quando rientrano definitivamente in Italia, devono munirsi della patente nautica, non essendo più autorizzati al comando di unità da diporto con un’abilitazione estera.
Nota: La legge di riforma della nautica prevede una completa revisione della normativa nel contesto comunitario e in quello degli accordi internazionali.
Stampati a pagamento. Alla consegna della licenza di navigazione bisogna pagare lo stampato, che per l’anno 2004 è del seguente importo: per le unità CE Euro 2,07; per le unità non-CE Euro 2,21; l’importo dello stampato delle patenti nautiche è di Euro 1,44. Fonte: nautica.it.

 
*I testi sopra riportati sono coperti da copyright*
Chiedi una consulenza all'avvocato specialista
ARGOMENTO:  

 

     
Tel. Cell. Fax
* Pref/Num

Descrizione della richiesta di consulenza legale
 
 
 
 
 
© copyright 2009