Home sitemap Site Map Contatto
 
 
 
                       
 
 
 
 
Testamento
Condominio
Società
Matrimonio
Obbligazioni
Famiglia
Locazione
Successione
Casa
Lavoro
Marchi e Brevetti
Contratti
Proprietà
Immigrazione
Responsabilità
Reati
Persone
Minori
Consulenza
Fallimento
Consumatori
Navigazione
Ambiente
Internazionale
Diritto sportivo
Banche
Crediti
Edilizia
Assicurazioni
Diritto sanitario
Il Diritto militare
Informatica
Amministrativo
Processo
Stradale
Tributi
 
 
 
 
 
   

Termine per accettare l'eredità

Art. 481 Fissazione di un termine per l`accettazione

Chiunque vi ha interesse può chiedere che l`autorità giudiziaria fissi un termine (Cod. Proc. Civ. 749) entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all`eredità. Trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare (488).


Sentenza n. 9648 del 2000

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. Mario SPADONE - Presidente -
Dott. Antonio VELLA - Consigliere -
Dott. Rosario DE JULIO - rel. Consigliere -
Dott. Giovanni SETTIMJ - Consigliere -
Dott. Umberto GOLDONI - Consigliere -
ha pronunciato la seguente



S E N T E N Z A
sul ricorso proposto da:
....., elettivamente domiciliato in ROMA VIA PACUVIO 34, presso lo studio dell'avvocato ROMANELLI GUIDO, che lo difende unitamente all'avvocato ORGERO DOMENICO EMANUELE, giusta delega in atti;
- ricorrente -su termine per accettare l'eredità
contro
...., elettivamente domiciliato in ROMA VIA DELLA MERCEDE 52, presso lo studio dell'avvocato MENGHINI MARIO che lo difende unitamente all'avvocato NARDOCCI EDOARDO, giusta delega in atti;
- controricorrente -termine per accettare l'eredità
avverso la sentenza n. 639/96 del Tribunale di ALESSANDRIA, depositata il 23/12/96;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 29/11/99 dal Consigliere Dott. Rosario DE JULIO;termine per accettare l'eredità
udito l'Avvocato Guido ROMANELLI, difensore del ricorrente che ha chiesto l'accoglimento del ricorso;termine per accettare l'eredità
udito l'Avvocato Mario MENGHINI, difensore del resistente che ha chiesto il rigetto del ricorso;termine per accettare l'eredità
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. Antonio BONAJUTO che ha concluso per accoglimento del I^ motivo, assorbiti gli altri.termine per accettare l'eredità
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con decreto del 25.11.1992 il Pretore di Alessandria ingiungeva a .....il pagamento a favore del notaio Carbone Alfonso della somma di L. 1.240.375 per prestazioni professionali.termine per accettare l'eredità .... termine per accettare l'ereditàproponeva opposizione avverso detto decreto ingiuntivo, esponendo che in data 3.10.1987 era deceduto senza testamento ......, lasciando come eredi la moglie .....ed il figlio minore .....; che la Baccifava aveva rinunziato all'eredità ed aveva accettato, autorizzata dal giudice tutelare, con beneficio d'inventario quella del figlio;termine per accettare l'eredità che per le operazioni d'inventario era stato incaricato il notaio Carbone Alfonso; che ....., raggiunta la maggiore età, aveva rinunziato all'eredità ed aveva rifiutato di pagare al notaio le somme da costui richieste per prestazioni professionali. Il Pretore accoglieva con sentenza del 25.1.1994 l'opposizione. Il notaio appellava tale sentenza.termine per accettare l'eredità Il Tribunale di Alessandria rigettava l'appello con sentenza del 23.12.1996.termine per accettare l'eredità Ricorre per cassazione con quattro motivi di gravame il Carbone; resiste con controricorso il Traversa.
Il Carbone ha presentato memoria illustrativa.
MOTIVI DELLA DECISIONE termine per accettare l'eredità
Ha precedenza logica l'esame del quarto motivo con il quale il ricorrente deduce contraddittoria motivazione in ordine al diniego di un obbligo del Traversa di adempiere la prestazione richiestagli;termine per accettare l'eredità non si è considerato che la designazione del notaio per redigere l'inventario era stata fatta dal pretore su istanza della .....;termine per accettare l'eredità che quale ausiliario del giudice gli spettava il compenso in base alla legge 8.7.1980 n. 319;termine per accettare l'eredità che l'attività professionale si è risolta a vantaggio del .....termine per accettare l'eredità
Il motivo è infondato, perché manca nella specie un incarico professionale al notaio, da considerarsi quale ausiliario del pretore, per cui la liquidazione del compenso andava chiesta a quest'ultimo ed il debito era a carico dell'eredità.termine per accettare l'eredità Con lo stabilire che "le spese dell'apposizione dei sigilli, dell'inventario e di ogni altro atto dipendente dall'accettazione con beneficio di inventario sono a carico dell'eredità", l'art. 511 cod. civ. detta per tali spese un regime particolare, prevalente su quello dell'art. 90 c.p.c., che rimane operante solo per quanto attiene all'onere dell'anticipazione.termine per accettare l'eredità
È giurisprudenza di questa Corte (cfr. Cass. sent. n. 1953/1976) che il notaio, nell'assolvimento dei compiti inerenti ad accettazione di eredità con il beneficio di inventario, opera quale ausiliario del giudice che lo ha nominato, sicché la sua eventuale designazione da parte dell'erede accettante con beneficio si configura come semplice indicazione e non come vero e proprio conferimento di incarico professionale.termine per accettare l'eredità
Si può quindi passare ad esaminare gli altri tre motivi del ricorso.termine per accettare l'eredità
Col primo motivo il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 474, 475, 476, 484 e segg. 519 e 527 cod. civ. per avere la sentenza impugnata omesso di considerare:termine per accettare l'eredità
a)- che la rinunzia del ....all'eredità non faceva venir meno per il principio "semel heres semper heres" la sua qualità di erede; che la rinuncia riguardava solo il limite di responsabilità intra vires hereditatis (cfr. Cass. n. 7695/93);termine per accettare l'eredità
b)- che per l'art. 485 cod. civ. non avendo il ....completato l'inventario doveva considerarsi erede puro e semplice.termine per accettare l'eredità Sostiene il ricorrente che .... ..... sarebbe decaduto dal beneficio di inventario e che la sua rinuncia all'eredità del 18.10.1991 sarebbe priva di effetti, non avendo egli ultimato l'inventario dopo il raggiungimento della maggiore età e per essere stato immesso nel possesso dei beni.termine per accettare l'eredità
Il motivo è infondato.termine per accettare l'eredità
L'eredità devoluta ai minori può essere accettata soltanto con beneficio di inventario, mentre ogni altra forma di accettazione espressa o tacita è nulla ed improduttiva di effetti, non conferendo al minore la qualità di erede (cfr. Cass. n. 4561/88, n. 881/67, n. 72/99, n. 9142/1993).termine per accettare l'eredità È quindi principio pacifico in giurisprudenza (cfr. Cass. n. 8142/93) che in caso di successione di minore la decadenza dal beneficio di inventario non può non verificarsi in virtù dell'applicazione dell'art. 485 cod. civ., il quale stabilisce che il chiamato all'eredità, quando a qualsiasi titolo è nel possesso di beni ereditari, deve fare l'inventario entro tre mesi dal giorno dell'apertura della successione o dalla notizia della devoluta eredità; che, trascorso detto termine senza che l'inventario sia stato compiuto, il chiamato all'eredità si considera erede puro e semplice. Ma la particolare formà di accettazione termine per accettare l'eredità cosiddetta legale della qualità di erede prevista dall'art. 485 cod. civ., e conseguente alla mancata osservanza, da parte del chiamato nel possesso dei beni, delle disposizioni relative al beneficio di inventario, non può trovare applicazione quando il successibile non abbia ancora raggiunto la maggiore età e, quindi, nei suoi confronti non sia consentita la possibilità di decadenza dal beneficio di inventario ai sensi dell'art. 489 cod. civ. (cfr. Cass. n. 881/1967;
n. 1953/1972).termine per accettare l'eredità
Nel caso di successione di minore la decadenza dal beneficio dell'inventario potrà verificarsi unicamente ai sensi dell'art. 489 cod. civ., che prevede il mancato compimento dell'inventario in un anno dalla maggiore età. Nel caso in esame alla morte di ......la moglie, Baccifava Lolita, per conto del minore accettava l'eredità ai sensi dell'art. 471 cod. civ..termine per accettare l'eredità
....., figlio dei predetti, il giorno stesso del compimento della maggiore età, rinunciava all'eredità.termine per accettare l'eredità Ai sensi dell'art. 521 cod. civ. chi rinuncia all'eredità è considerato come se non vi fosse mai stato chiamato, in contrasto con quanto afferma il ricorrente che richiama il principio semel heres semper heres.termine per accettare l'eredità Pertanto il ......non può essere chiamato a rispondere delle spese di inventario, perché queste sono a carico dell'eredità a norma dell'art. 511 cod. civ.termine per accettare l'eredità
Ne consegue che, in mancanza di testamento, dette spese dovranno essere addebitate alle persone indicate dall'art. 565 cod. civ. (successione legittima) ed, in mancanza di altri successibili, allo Stato, nei limiti di cui all'art. 586 cod. civ.termine per accettare l'eredità
Nè vale richiamare, come fa il ricorrente l'art. 485 cod. civ. (che disciplina l'ipotesi del chiamato all'eredità che è nel possesso dei beni ereditari) non essendo rimasto provato che il controricorrente ..... si trovava in tale situazione. Col secondo motivo il ricorrente denuncia omessa motivazione sul punto decisivo della controversia attinente al fatto che il ..... era stato immesso nel possesso dei beni ereditari dalla madre, di qui la necessità dell'inventario.termine per accettare l'eredità
Il motivo è infondato, perché la necessità della redazione dell'inventario doveva ricollegarsi al solo fatto di essere stato chiamato all'eredità un minore.termine per accettare l'eredità
Col terzo motivo il ricorrente denuncia violazione degli artt. 476, 511 e 2028 cod. civ., nonché vizi di motivazione, per non avere la sentenza tratto le dovute conseguenze dall'affermazione che il .... doveva considerarsi gestore di affari e cioè per non avere considerato che egli aveva l'obbligo di condurre a termine la gestione e rispondeva secondo le regole del mandato della custodia delle cose e per l'art. 2030 cod. civ. dei danni.termine per accettare l'eredità
La censura è infondata, perché la sentenza ha ritenuto il Traversa gestore di affari dopo la rinunzia e ne ha escluso l'obbligo di adempiere le obbligazioni contratte in quella veste ed in particolare quella in esame, antecedente alla rinunzia, e pertanto non come gestore, ma in qualità di chiamato all'eredità. Rigettato il ricorso, le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.termine per accettare l'eredità
P.Q.M.termine per accettare l'eredità
La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, che liquida in L. 981.900, di cui L. 900.000 di onorari.termine per accettare l'eredità
Così deciso in Roma, il 29 novembre 1999.termine per accettare l'eredità
Depositato in Cancelleria il 24 luglio 2000 termine per accettare l'eredità







Testo della Massima
In tema di imposta di successione, ai nipoti che succedono per
rappresentazione ai sensi dell'art. 467 cod. civ. non si applica la
aliquota prevista per la categoria "fratelli e sorelle", ma la
diversa aliquota relativa alla categoria "altri parenti", atteso che
l'istituto civilistico della rappresentazione, per il quale il
discendente subentra nel luogo e grado dell'ascendente, non opera
anche in materia tributaria, restando cio' escluso dal combinato
contesto dell'art. 6 del d.P.R. 26 ottobre 1972 n. 637, il quale
dispone, tra l'altro, che l'imposta e' determinata mediante
l'applicazione delle aliquote indicate nelle lettere a) e b) della
tariffa allegata, e della tariffa stessa, dal quale si evince che la
diversificazione delle aliquote e' direttamente e unicamente
ricollegata al rapporto naturale esistente tra l'erede e il "dante
causa" prescindendo dalla causa e dal titolo della chiamata
all'eredita'.





Testo della Massima
L'apertura della successione fa sorgere nei destinatari della
"vocatio" il diritto di accettare l'eredita', soggetto al termine di
prescrizione di dieci anni, salvo che si tratti di "chiamati
ulteriori". Sono da considerare tali soltanto coloro che subentrano
in luogo dei rinunzianti, secondo il meccanismo delle devoluzioni
disciplinato dagli artt. 522 e 523 cod. civ..
 
*I testi sopra riportati sono coperti da copyright*
Chiedi una consulenza all'avvocato specialista
ARGOMENTO:  

 

     
Tel. Cell. Fax
* Pref/Num

Descrizione della richiesta di consulenza legale
 
Chiedi una consulenza legale su <?=$nome_categoria[0];?>
Successione
Disposizioni generali
Eredità
Legittimari
Successioni legittime
 
 
 
Chiedi all'Avvocato
 
 
 
 
© copyright 2009